Pulizia Android: eliminare file inutili

Quando il telefono non va più avanti, la prima cosa che vorresti fare è una pulizia Android per liberarlo da noiosi file e applicazioni che intasano il sistema rendendoti impossibile il suo utilizzo. Sia che tu voglia pulire Android da vecchie installazioni o che tu stia cercando la migliore app di pulizia Android, questo è il posto giusto dove trarre le informazioni adeguate a rendere il tuo smartphone più veloce, devi solo andare avanti nella lettura dell’articolo e analizzeremo caso per caso, qualunque siano le tue esigenze.

L’inarrestabile utilizzo del nostro smartphone ci porta spesso a consumare le sue risorse in maniera troppo veloce. Lo spazio limitato nel nostro telefono, i pochi GB a disposizione, la potenza del dispositivo che spesso non è adeguata, rendono il suo utilizzo più difficile man mano che andiamo avanti con il suo utilizzo. Esistono vari modi per procedere: pulire Android senza app aggiuntive che facciano il lavoro per noi oppure installare la migliore app di pulizia sul device. Li analizzeremo entrambi.

come fare pulizia android

Pulire Android senza app

Un ottimo modo di fare la pulizia Android è di liberarsi inizialmente di tutti quei file che scarichiamo da internet e che si accumulano nel nostro cellulare man mano che andiamo avanti con il suo utilizzo. Infatti, devi sapere che Android non si occupa di liberare il tuo smartphone da questi file da solo. Esistono, invece, smartphone Android che vengono forniti con funzionalità che si occupano di pulire il sistema ma solo con l’azione e il consenso dell’utilizzatore.

Oltre alla navigazione, un altro aspetto importante che tutti possiamo notare è l’innumerevole quantità di video e fotografie che ci arrivano da WhatsApp: questi file, tipicamente di qualche MB, vanno a riempire la memoria nel tempo e dunque ci dovremo occupare anche di questa tipologia di fenomeno.

La prima cosa da fare se si vuole pulire Android è quella di liberarsi dei file presenti nella cartella Download, file che tipicamente non vendono più utilizzati. La cartella Download contiene tutti i file che scarichiamo dai browser come Chrome, l’app che usiamo per navigare su internet. Per iniziare, vai su Strumenti e successivamente su Download. Si aprirà una schermata con tutti i file scaricati, controlla dunque che ci siano file inutili che non ti servono. Non preoccuparti se qualcuno di questi file ti è utile, non lo cancelleremo.

Appena individuato un file inutile, tieni il dito premuto su quel file fino a quando non spunta la spunta blu. Adesso Android ti mette in condizione di farti selezionare anche altri file con un solo tocco e quindi selezionare più file contemporaneamente.

Una volta selezionati, ti apparirà in alto a destra il Cestino: premilo per cancellarli. A questo punto ti apparirà un messaggio che ti chiederà se vuoi eliminare i file selezionati. In tal caso, se sei convinto della cancellazione dovrai premere Elimina.

Svuotare la cache Android

Un ottimo modo per liberare spazio nel cellulare è quello di cancellare la cache di applicazioni che usiamo poco e che riteniamo poco importanti. Le applicazioni, in genere, memorizzano una gran quantità di dati man mano che si procede con il loro utilizzo. Cancellare questi dati avrebbe come risultato di alleggerire l’applicazione e, come si dice, “la somma fa il totale”, infatti se ripetiamo l’operazione per diverse applicazioni finiremmo per liberare parecchi GByte di spazio. Quello che faremo è, infatti, quello che fanno manualmente molte delle applicazioni in circolazione per pulire Android: queste svuotano la cache dei programmi, cioè la memoria da questi utilizzata.

Per svuotare la cache Android, scegli l’applicazione sulla quale vuoi operare, vai su Impostazioni e successivamente pigia su App e notifiche. Adesso fai tap su App, ti apparirà la lista delle applicazioni installate sul tuo dispositivo.

Impostazioni Android

Andando avanti, e ottenuta la lista delle app, seleziona un’app della quale non ti interessa conservare i dati. In questo tutorial ho scelto come esempio Google Maps, un’app che offre servizi di navigazione con il cellulare.

Pigiando sull’app ci appaiono informazioni più dettagliate su questa, e come si può ben vedere viene visualizzata anche la memoria occupata. Clicca su Memoria per avere più dettagli e ti apparirà una schermata con i dati e la cache occupata. A noi interessa cancellare la cache e infatti premeremo su Cancella Cache.

Se vogliamo liberare ulteriore spazio, possiamo cliccare su Cancella dati ma ti avverto che perderai i dati dell’applicazione. Come dicevo prima, in genere le app che si occupano di liberare spazio su Android cancellano solo la cache delle applicazioni: per questi dettagli passa al paragrafo successivo.

Pulizia della cache Android

Migliore app pulizia Android

Un altro modo di pulire Android è di utilizzare un’applicazione che faccia tutto il lavoro di ricerca dei file inutili per noi. Non esiste l’applicazione migliore delle altre, ma esiste quella che si adatta alle nostre esigenze. Infatti, potremmo sospettare che il nostro smartphone è rallentato per la presenza di qualche virus o perché ci sono troppe foto e video memorizzate qua e la che vorremo cancellare, oppure perché le varie applicazioni, con il loro utilizzo prolungato, abbiano memorizzato troppi file di cache. Quest’ultimi file contengono delle informazioni relative al nostro utilizzo delle app, quindi spesso possiamo tranquillamente liberarcene. In questa parte dell’articolo analizzeremo, dunque, come fare la pulizia Android con le migliori app in circolazione.

Avast Cleanup

Avast Cleanup è un software di facile utilizzo che ti consente di liberare spazio di memoria nel telefono rendendolo più veloce e migliorando l’uso della batteria.

Per installarlo vai sulla pagina di Avast Cleanup clicca su Installa Gratis. Verrai ricondotto alla scheda del Play Store, dove protrai procedere con l’installazione cliccando su Installa.

Avvia l’app e clicca su Per Iniziare, il pulsante in basso nella prima schermata. Se non vuoi acquistare la versione con le funzionalità avanzate, devi accontentarti della versione base, che comunque ti fornisce delle buone funzionalità. Clicca su Versione di Base e successivamente Continua con la versione gratuita.

Per avviare la scansione dovrai premere sul pulsante Inizia Qui e successivamente dovrai fornire le autorizzazioni al software per poter cancellare i file superflui.

Dopo che avrai concesso tutte le autorizzazioni, l’applicazione avrà la possibilità di accedere alle cartelle del cellulare e controllarle, in maniera tale da vedere se ci sono luoghi dove sono presenti file da cancellare. Con le autorizzazioni concesse l’app potrà proseguire.

Adesso puoi premere Avvia Pulizia, e finalmente il programma eseguirà la scansione.

Alla fine della scansione sarà possibile visionare tutti i file che rappresentano un peso per lo smartphone. In pratica, Avast Cleanup, ha individuato che ci sono file di cache di varie applicazioni che possono essere cancellate, e per ognuna di queste ti dice quanto è grande la cache.

Ricordo che la cache delle app rappresenta un modo per queste di memorizzare dei file che sono utili al loro funzionamento. Per esempio, un’app che fornisce una tastiera ad Android, memorizza tutte le parole da te digitate per poterti aiutare successivamente nella correzione automatica. Quindi cancellarne la cache sarà come tornare a utilizzarla per la prima volta, infatti tutte le parole memorizzate saranno cancellate.

Tornando all’uso di Avast Cleanup, seleziona adesso le voci sulla cache delle applicazioni che non ti interessano e successivamente clicca su Completa la pulizia per liberare spazio nel tuo smartphone Android.

CCleaner

CCleaner è una delle app Android più popolari per rimuovere file spazzatura dal tuo device e liberare spazio, per poterlo poi riempire con file più utili. Essendo così popolare, merita certamente di essere menzionato come uno dei migliori software per pulire Android, ma anche i pc desktop e macOS. Infatti, il software è disponibile in varie versioni e quindi per diversi dispositivi, e qui ovviamente installeremo e proveremo la versione per il tuo dispositivo Android.

Per installare l’app vai su questa pagina e clicca su Get it on Google Play, finirai nella pagina download di CCleaner nel Play Store. Una volta giunto in quella pagina clicca su Installa per avere il software sul tuo dispositivo. Dunque Android procederà con l’installazione e finalmente avrai l’app sul tuo device.

Adesso clicca sulla sua icona, avvia l’app e successivamente clicca su Per Iniziare. Se vuoi il software senza pubblicità e desideri la funzione di pianificazione della pulizia automatica di Android puoi acquistare la versione a pagamento, invece se desideri proseguire con la versione gratuita pigia su Versione di base e successivamente con Continua con la versione gratuita.

Dopo aver concesso le autorizzazioni facendo tap su Concedi le autorizzazioni, torna alla schermata principale ed esegui la scansione. L’app fornisce subito la possibilità di fare una pulizia della cache delle applicazioni, argomento ampiamente trattato nel precedenti paragrafi.

Tornando alla schermata principale, premendo sulle tre linee orizzontali a sinistra, si ha la possibilità di usufruire anche delle altre caratteristiche che l’applicazione offre, per esempio l’acceleratore, meccanismo che permette di ibernare le app rendendo il dispositivo più veloce. Con l’ibernazione le app da te scelte vengono temporaneamente disattivate (ne viene bloccato l’avvio), ma non disinstallate, in maniera tale da limitare il consumo della batteria e velocizzare il dispositivo. Infatti, senza ibernazione le app continuerebbero ad avviarsi inviandoti noiose notifiche che consumano le risorse del tuo dispositivo.

pulire android ccleaner

Trovare i file inutilizzati su Android

Forse la memoria del nostro smartphone Android è troppo piena perché abbiamo memorizzato file molto grandi che occupano centinaia di megabyte. I device Android come smartphone e tablet, usano dei supporti di memorizzazione a stato solido, e questi possono riempirsi completamente come avviene nei notebook o computer desktop rallentando le performance. E’ sempre preferibile che lo spazio di archiviazione occupato sia inferiore al 75% dello spazio di memorizzazione totale, infatti quando superiamo quella soglia generalmente il nostro device comincia a rallentare.

La soluzione è quella di liberarci dei grandi file, file che pesano dai 40 MB in su. Generalmente questo tipo di file sono file video che arrivano dai messaggi WhatsApp o che abbiamo registrato noi.

Per fare la pulizia Android dei file inutili vai su Impostazioni ⚙️ e dopo pigia su Memoria. A questo punto si aprirà una finestra per la gestione della memoria disponibile sul tuo device. I GB totali indicano la memoria totale del tuo dispositivo, mentre quelli disponibili indicano la memoria che hai ancora a disposizione e quindi non ancora occupata. Un pò più in basso vedrai la memoria occupata dai vari componenti del tuo smartphone: per esempio Firmware indica la memoria occupata dal sistema operativo e da tutto quello che fa funzionare il tuo smartphone Android, i dati memorizzati nella cache, la memoria occupata dalle app installate, le immagini, i video e i file audio.

Trova file inutilizzati Android

A questo punto non ti resta che pigiare su Pulizia Archivio: accederai a una sezione che ti consente di fare una pulizia della cache del tuo dispositivo. Premendo su Pulisci si avvierà la pulizia della cache e sarà liberata parecchia memoria come nell’esempio.

Se vogliamo fare un’ulteriore pulizia di Android, la funzione Pulizia ci offre la possibilità di cancellare alcuni file manualmente. Infatti, premendo su Cerca video inutilizzati si accederà alla sezione Dati video, una schermata che ti consentirà di visionare i video che utilizzi poco ma che occupano parecchia memoria. La funzionalità visualizzerà anche i grossi video provenienti dai messaggi WhatsApp.

Lo stesso tipo di controllo lo potrai fare verificando la presenza di foto non necessarie o di musica non utilizzata, così come appare nell’esempio qui sotto.

Trova grandi file

Google Foto

Un buon modo per trasferire foto e video online in maniera automatica e quello di usare Google Foto, un prodotto gratuito di Google che ti consente di caricare foto online in un tuo spazio riservato e caricarle automaticamente non appena vengono scattate. In questo modo, con le dovute impostazioni, è possibile cancellare video e foto dal nostro device facendo pulizia nel nostro dispositivo Android, senza che si cancellino le copie caricate online. Tieni sempre a mente che le foto caricate online saranno di qualità più bassa rispetto a quelle nel dispositivo di origine. Questo accade perché Google Foto tende a risparmiare spazio durante l’archiviazione.

Se si desidera non perdere qualità d’immagine nel trasferimento online allora bisogna procedere nella seguente maniera. Apri Google Foto (l’icona colorata con scritto Foto) e vai sulle tre linee orizzontali in alto a sinistra. Successivamente premi su Impostazioni. Adesso premi su Backup e sincronizzazione e vai su Dimensioni caricamento: potrai scegliere tra Alta qualità (un buon compromesso) e Originale. Con quest’ultima opzione le foto caricate non perdono alcuna informazione ma occupano facilmente lo spazio online messo a disposizione da Google Foto.

salvare su Google Foto

Per avere Google Foto funzionante dovrai sincronizzare il telefono con un account Gmail e successivamente settare Backup e sincronizzazione su ON, come mostrato nell’immagine.

Quando utilizzi Google Foto, tieni a mente questo preciso comportamento:

– se cancelli una foto da Google Foto, allora questa viene pure cancellata dal dispositivo sincronizzato;

– se cancelli una foto dal dispositivo d’origine, questa non viene cancellata nell’account Google Foto.

Prima di cancellare le foto dallo smartphone però, ti consiglio di assicurarti che tutto funzioni correttamente: le foto devono essere già state caricate online e la cancellazione delle foto nel nostro dispositivo non deve comportare, di riflesso, la cancellazione delle medesime foto su Google Foto. Assicurati che tutto procede correttamente con un semplice test: cancella una foto e vedi se questa rimane su Google Foto. Se il test va a buon fine, allora Google Foto è funzionante e configurato correttamente.

Se dopo aver eliminato questi file o liberato la memoria come descritto in questo articolo, Android continua ad essere lento, è bene dare un’occhiata al buon funzionamento di quest’ultimo. Per questo ho scritto un esauriente articolo su come risolvere i più comuni problemi WhatsApp che può aiutarti a far ripartire al meglio il tuo smartphone o tablet.

Attenzione: sperimentare con il tuo smartphone spesso comporta che le cose non andranno come vorremmo. Dunque, non mi assumo alcuna responsabilità su eventuali danni da te provocati ed per eventuali dati e foto da te perse durante i tuoi test. Ti consiglio sempre di fare un backup preventivo onde scongiurare la perdita di file per te importanti.

Lascia un commento